Il Barocco di Noto

Custodisca Iddio una casa di Noto, e fluiscano su di lei le rigonfie nuvole!
 
Con nostalgia filiale anèlo alla patria, verso cui mi attirano le dimore delle belle sue donne.
 
E chi ha lasciato l'anima vestigio di una dimora, a quella brama col corpo fare ritorno...
 
Vivi quella terra popolata e colta, vivano anche in lei le tracce e le rovine! Io anèlo alla mia terra, nella cui polvere si son consumate le membra e le ossa dei miei avi.
 
 
Ibn Hamdîs 
Poeta Arabo di origine Siciliana del XI° secolo
 
 

"Canzuna"

 

 

 

Aju saputu ca ti ciami Anna;

Cu' ti lu misi ssu nomu r'amuri?

Mi mannasti un gnalofiru ri banna,

E di luntanu si senti l'aruri.

Su, a la casa, mè matri m'addumanna:

Unni cugghisti, figghiu miu, ssu ciuri?

Iu l'agghiu cotu ‘mpettu ri Marianna,

Unni arriposa la Luna e lu Suli. 

 

 

Corrado Avolio

Tratto dal libro  "Canti Popolari di Noto"

 

 

"La Capinera di Noto"

 

 

O beate dolcezze! O breve e cara

Gioia, o lusinghe del natio paese, 

Quando quest'alma della vita ignara

Di tua gran mente il gran concetto apprese!

Or mi ridesto e sento

Quasi un'eco di tomba, e intorno giro

Le stanche ciglia a un funebre lamento

al mio verso risponde e al mio sospiro.

 

 

Mariannina Coffa Caruso

 

Poetessa nata a Noto nel 1848 e morta nel 1878

Strambotti

 

 

Affaccia curuzza mia rammi la manu

a spassu iemu nta lu to iardinu

cc'eni na maccia ri lu virdi rramu

ca ietta faidduna r'oru finu.

A bbeddu: nun tuccamu cu li manu

ca la licenza ci voli ri m-parrinu:

nun fari comu fici u patri Adamu

ca pi m-pumiddu persi lu iardinu.

 

 

"Canti del val di Noto: poesia popolare Siciliana"

di

Antonino Uccello

"Mpa Currau"

 

 

Cch'è bbeddu mpa Currau

quannu veni ri la ciana!
Se nnum-potta li rinari
nta lu liettu n-ci po ccianari. 

 

Che è bello compare Corrado / quando viene dalla Piana! / Se non porta i soldi / nel letto non ci può salire.

 

 

"L'altra Poesia: canti popolari dell'agro Netino"

di

Enzo Accarpio

Fìmmina

Bbeddha

 quant'ô suli

 râ matìna

Sbrinniènti 

com'ô sali

 ntâ marina

nura 

mi lassi

 e-tti-nni vai

Ma quannu

 è-nnotti

u to cori

 ascuti

 ca-bbatti

forti

 tuppulia

a-mmia

 a-ttia

 

Teresa Schemmari

"PUISÌA"

 

 

 

 

 

 

6716914649_8b6215017e_o.jpg
6125250976_b8c37e29a4_o.jpg
6124988702_ac087eccba_o.jpg
6124704499_d04ccc61d3_o.jpg
6124700907_3a99208ebe_o.jpg
6124446975_f3eb0685a5_o.jpg
2208_3416.jpg
0601_6556.jpg
1108_3711.jpg